Mondo mamma
1126

25 aprile, spieghiamo ai bambini la Festa della Liberazione

25 aprileIl 25 aprile è per l'Italia una data importante perché ha decretato la fine della dittatura nazifascista, l'uscita del Paese dalla Seconda Guerra Mondiale e l'inizio di una nuova epoca, con la nascita della Repubblica. È per questo che vogliamo oggi spiegarla ai più piccoli.

 

Sapete, cari bambini, chi era Benito Mussolini? Era un dittatore, fondatore del Fascismo, che attraverso la cosiddetta "Marcia su Roma", avvenuta il 28 ottobre del 1922, costituì un Governo, instaurando la Dittatura tre anni dopo.

 

Dittatura significa "governo di un solo uomo". Mussolini impose a tutti le sue regole e per evitare che qualcuno gli andasse contro impediva la libera informazione e la libera espressione del pensiero. Stampa e giornali, infatti, erano controllati dal regime che facevano sì che tutto intorno ad esso apparisse perfetto.

 

Il 25 aprile del 1945 i Partigiani organizzarono la Resistenza per riconquistare la democrazia. Con l'aiuto degli alleati americani e inglesi, i partigiani - uomini, donne, soldati, sacerdoti, operai, contadini, monisti, socialisti e cattolici - si unirono per rientrare nelle loro città e gettare le basi di una nuova democrazia. Città simbolo fu considerata Milano, sede del comando partigiano.

 

La Costituzione Italiana attuale, entrata in vigore il 1º gennaio 1948, fu elaborata da quegli uomini che avevano fatto della lotta al fascismo il loro punto fermo. Si dice, infatti, che essa sia in qualche modo figlia della Resistenza antifascista.

 

Il 25 aprile è diventata a tutti gli effetti la "Festa della Liberazione". Un giorno per riflettere sul fatto che la libertà non è un valore gratuito e proprio per questo va difeso e custodito ogni giorno.

Autore: