A prova di Shopping
563

Accessori per i primi bagni



Ogni mamma che porti al mare il proprio bimbo dovrà affrontare qualche paura e il dilemma dell'estate: salvagente o braccioli?

 

Avvicinarsi all'acqua (dalla vasca, alla piscina, al mare) in modo sereno, è importante per trasmettere tranquillità e sicurezza al vostro bambino.

 

 

 

 

Soprattutto per i più piccoli, alle prime esperienze, è necessario che l'approccio avvenga gradualmente: giocate con loro in riva al mare, provate a bagnarlo con piccoli spruzzi delicati e non appena capirete che è pronto, senza forzarlo, potrete iniziare ad entrare in acqua, sostenendolo dalle braccia, così che possa prendere confidenza e non si impaurisca.

 

Una volta compreso che "l'incontro" ha avuto successo, potrebbero essere d'ausilio accessori come braccioli o salvagente.

 

In realtà per i piccoli il più consigliato è il salvagente, quello dotato di mutandina, in grado di sostenere il peso da sotto, ma che lo lascia comunque libero di sgambettare in acqua.

Si raccomanda comunque la massima attenzione, perché il bambino potrebbe accidentalmente ribaltarsi a causa di un movimento brusco o di un'onda.

 

Un' alternativa potrebbe anche essere il giubbotto galleggiante, come quello di salvataggio utilizzato sulle barche.

 

Quando i vostri bimbi saranno più grandi, più sicuri e più indipendenti,  allora potrete passare ai braccioli: il movimento di braccia e gambe sarà più libero così da iniziare ad avvicinarli maggiormente all'attività natatoria libera da ausili.

 

Ad ogni modo, ricordate, che ciascun bambino ha i suoi tempi e le sue paure. È importante non costringerlo ad entrare in acqua, ma far si che insieme a voi ne riconosca il piacere e il divertimento, fino al momento in cui, probabilmente da solo, deciderà che è arrivato il momento giusto per approcciarvi.

 

 

Autore: