Mondo mamma
1439

Come crescono le Beta HCG in gravidanza

Se aspettate da poco un bimbo o se cercate la cicogna avrete sicuramente sentito parlare delle famose e famigerate Beta. La Beta HCG (Gonadotropina Corionica Humana) è un ormone che aumenta quotidianamente se la gravidanza procede bene (durante i primi tre mesi) è proprio questo ormone che indica la positività del test di gravidanza.

 

La sua funzione principale è quella di permettere un buon attecchimento della gravidanza stimolando positivamente le pareti dell'utero. Insomma, un ormone nostro alleato che però può diventare il peggior nemico poiché controllarne la crescita determina anche una certa ansia soprattutto nelle primipare. Vediamo come cresce questo ormone per capire quando una gravidanza sta proseguendo lungo il giusto cammino.

 

prima settimana: valore minimo 12 - valore massimo 77

seconda settimana: valore minimo 45 - valore massimo 1175

terza settimana: valore minimo 330 - valore massimo 10200

quarta settimana: valore minimo 2160 - valore massimo 82640

quinta settimana: valore minimo 6225 - valore massimo 181075

sesta settimana: valore minimo 15600 - valore massimo 184000

settima settimana: valore minimo 15125 - valore massimo 199500

ottava settimana: valore minimo 24400 - valore massimo 221400

nona settimana: valore minimo 22075 - valore massimo 227000

decima settimana: valore minimo 21500 - valore massimo 188925

 

I valori sono validi a partire dalla data EFFETTIVA del concepimento e non dall’ultima mestruazione.

I valori per le prime settimane dovrebbero sempre aumentare, se aumentano molto però occhio...potreste aspettare due gemelli! Naturalmente un aumento molto evidente delle Beta non determina necessariamente una gravidanza gemellare e tutti i valori vanno comunque interpretati e controllati dal medico.

 

Ecco perchè le Beta possono diventare un’arma a doppio taglio: aiutano la mamma presa da ansie e paure a essere più tranquilla sull’andamento iniziale della gravidanza proprio quando ancora non ci sono evidenti sintomi; ma effettuare un prelievo con relativa attesa ogni due giorni può diventare molto stressante.

La cosa migliore, in questi casi è effettuare un paio di analisi se proprio non potete farne a meno e per il resto lasciare che sia la natura a guidare la vostra gravidanza che nel 90% dei casi (una percentuale molto alta!) andrà a buon fine.

 

Autore: