Mondo mamma
1136

Decalogo dell'educatore di Maria Montessori

Sta per iniziare la scuola ed è giusto soffermarsi sui metodi educativi. Ogni epoca è diversa d'altra, ma lo è anche ogni scuola e ogni singolo insegnante.

Voi siete soddisfatti del metodo educativo che seguono gli insegnanti di vostro figlio?

 

 

Riportiamo di seguito il decalogo dell'educatore pensato da Maria Montessori.

 

 

    1. Non toccare mai un bambino se non si è stati invitati da lui a farlo.
    1. Non parlare mai male del bambino in sua presenza o assenza.
    1. Concentrarsi sul rafforzare e aiutare lo sviluppo di ciò che è positivo nel bambino, i sui suoi pregi e i suoi talenti, così da lasciare sempre meno spazio ai difetti.
    1. Essere attivi nel preparare l’ambiente. Prendersene cura in modo meticoloso e costante. Aiutare il bambino a stabilire relazioni positive con esso. Mostrare il posto giusto dove i materiali di sviluppo sono conservati e illustrate loro l’uso corretto.
    1. Essere sempre pronti a rispondere alla chiamata del bambino che ha bisogno di voi, ascoltare e rispondere sempre al bambino che vi chiama.
    1. Rispettare il bambino che fa un errore e può prima o poi correggersi da solo, ma interrompete immediatamente e con decisione ogni uso scorretto dell’ambiente e ogni azione che mette in pericolo il bambino, il suo sviluppo o altre persone.
    1. Rispettare il bambino che si riposa o guarda gli altri bambini lavorare o pensa a ciò che ha già fatto o farà. Mai chiamarlo o forzarlo ad altro tipo di attività.
    1. Aiutare i bambini che sono alla ricerca di un’attività e non riescono a trovarla.
    1. Proponete regolarmente al bambino le attività che ha rifiutato in precedenza. Aiutatelo ad acquisire ciò che non è ancora in suo possesso, a superare le imperfezioni. Fate ciò animando l’ambiente con cura e silenzio, con parole gentili e presenza amorevole. Fate in modo che la vostra presenza e la vostra disponibilità siano percepetite dal bambino che le cerca e nascondetele al bambino che ha già trovato ciò di cui aveva bisogno.
    1. Trattare sempre il bambino con delicatezza e tatto, offritegli il meglio di voi.

 

 

Autore: