Mondo mamma
620

Guidare in gravidanza

Se hai sempre utilizzato la macchina, per andare a lavorare, a fare la spesa o semplicemente per andare a trovare un’amica, la notizia della dolce attesa non dovrà vincolare le tue abitudini.

 



Continuare a guidare in gravidanza è assolutamente possibile, magari con qualche accorgimento in più per la tua sicurezza e quella del bimbo che porti in grembo.

 

Innanzitutto, continua ad allacciare la cintura anche nelle ultime settimane di gravidanza, quando potrebbe essere un po’ più fastidioso. È importante mantenere una posizione eretta, con il corpo ben aderente al sedile e quanto più distante possibile dal volante.

 

 

 

In caso di incidente, la cintura di sicurezza trattiene il corpo al sedile evitando così di sbattere contro il volante perché è proprio questo tipo di urto, all’altezza della pancia, che potrebbe provocare contrazioni premature o un distacco della placenta.

La parte della cintura che maggiormente protegge è quella che sta di traverso fra il seno e la pancia, per cui non toglietela mai!

La parte orizzontale, per non dare fastidio, va inserita quanto più bassa possibile, fra le cosce e la pancia in modo che in caso di urto, faccia pressione sull’utero e non sul pancione come raffigurato nell'immagine sotto.

 



 

Per rendere più comodi gli spostamenti, spostate i vestiti da sotto la cintura o utilizzate un piccolo cuscino, che oltre donare sollievo alla schiena, eviterà che la cintura faccia gioco scivolando avanti e indietro facendo pressione sulla pancia.

 

E l’airbag? Qualcuno si chiederà se non sia più pericoloso della cintura… In realtà no: poiché in caso di urto l’airbag scoppia in direzione di viso e petto, non solo non colpisce la pancia, ma reagisce ancor prima del blocco della cintura, evitando che questa prema troppo forte.

 

Ad ogni modo, in caso di incidente, contatta subito il tuo ginecologo, perché seppure l’urto dovesse essere stato debole, soprattutto nell’ultimo trimestre in cui il bambino non gode più della stessa quantità di liquido amniotico, solo il medico dovrà escludere eventuali pericoli per il feto.

 

Cercate, comunque, di non percorrere tragitti molto lunghi, soprattutto in estate. Diversamente bevete molto e cercate di fermarvi diverse volte, così da potere scendere, mettervi in piedi e fare qualche passo per riprendere una migliore ossigenazione.

 

Ma ciò che più importa è che voi vi sentiate sicure e a vostro agio alla guida, portare la macchina deve essere un piacere, non un obbligo né tanto meno una fonte di stress e se così non fosse chiedete a qualcuno di accompagnarvi, guidando o semplicemente facendovi compagnia: nessuno potrà rifiutarsi, siete in attesa!!!

 

 

Autore: