Mamma e Risparmio
810

I miracoli dell’argilla verde


La usavano gli egizi e gli antichi cinesi come cura per bambini ed anziani, è un elemento naturale che si trova in abbondanza, soprattutto in Sicilia, eppure l’argilla verde oggi è ancora uno di quei prodotti che pur avendo mille proprietà si relega nella categoria “maschere per il viso”.

 

Invece questo sedimento, costituito principalmente da allumino-silicati, ha tantissimi usi anche nella cura dei nostri piccoli e della loro pelle sensibile. L’argilla verde esiste sotto diverse forme: può essere macinata grossa o fine; per un uso solo esterno; oppure può essere ventilata, in questo caso si tratta di argilla pura essiccata al sole e può essere usata anche per un uso interno sottoforma di compresse o altro. Per usi terapeutici specifici fatevi sempre consigliare da un rivenditore specializzato o da un naturopata.

 

 

Usi per la persona

Una delle principali caratteristiche dell’argilla verde è quella di essere un potente battericida. Può essere utilizzata, applicata in giuste dosi, con delle garze sterili come coadiuvante nella cura delle escoriazioni, infatti è anche un ottimo cicatrizzante. L’argilla ventilata e polverizzata, invece, può essere usata come un vero e proprio talco adatto soprattutto alla pelle delicata dei bambini o ai soggetti allergici. L’uso tradizionale dell’argilla poi è quello dedicato alle maschere di bellezza in quanto ha un effetto purificante e astringente per i pori della pelle.

 

 

Usi domestici

Strano ma vero: l’argilla verde è un ottimo compagno ecologico ed economico (il prezzo varia dalle 6 ai 20 euro sulla base del tipo di argilla), anche in casa. Ha un forte potere assorbente ed è perfetta per assorbire gli odori delle fritture o dei cavolfiori. Per la stessa proprietà di assorbimento e per le sue qualità igienizzanti è ottima (diluita in acqua) per pulire il frigorifero o come antitarme negli armadi. E’ anche un ottimo aiuto con i nostri amici a quattro zampe in quanto è un efficace shampoo a secco per cani e gatti. Basta infatti mettere un pizzico di polvere sul pelo e spazzolare).


Autore: