Cinema e Tv
578

I Puffi 2

 

A distanza di due anni dal primo capitolo, in cui era Tontolone a non sentirsi accettato, le creature blu ideate da Peyo si ritrovano da New York a Parigi per salvare Puffetta.

 



I Puffi 2 (The Smurfs 2) in 3D, in uscita il 19 settembre per Warner Bros, e presentato in anteprima mondiale al Giffoni Film Festival, ripropone la squadra formata da Grande Puffo, Tontolone, Brontolone e Vanitoso che, arrivati nel vecchio continente, incontrano gli amici Patrick (Neil Patrick Harris) e Grace Winslow (Jayma Mays), pronti ad aiutarli nella loro nuova avventura.

 

È il giorno del compleanno di Puffetta, ma lei pensa che al villaggio tutti l’abbiano dimenticato, ignorando invece che i suoi amici le stanno organizzando una grande festa a sorpresa.

 

Gargamella (interpretato da Hank Azaria), che nel frattempo con l’aiuto del mitico Birba ha dato vita a due creature simili ai Puffi, i Monelli, approfitta di questo momento di debolezza per far rapire Puffetta e portarla con sé a Parigi, dove è conosciuto e stimato da milioni di persone come il più grande stregone del mondo. Gargamella, che proprio anni prima aveva creato Puffetta, vuole adesso che lei gli riveli la formula segreta e magica che l’ha poi resa veramente una dei Puffi. Solo con quella formula sarebbe in grado di ottenere la loro essenza blu e quindi di sterminarli tutti.

 

Vediamo una Puffetta in una sorta di crisi d’appartenenza tra la bontà e ingenuità dei Puffi da una parte e, dall’altra, il lato oscuro, intrigante e seducente della piccola monella creata da Gargamella e doppiata nella versione originale da Christina Ricci. Puffetta non sa bene se la sua natura sia buona o malvagia e teme di non appartenere alla bontà del villaggio.

 

Alla fine, tra ostacoli, incomprensioni, equivoci e colpi di scena tutto ritornerà alla tranquilla e soave puff-normalità.

 

 

Ancora una volta hanno la meglio i valori dell’amicizia, della solidarietà e della famiglia. Quest’ultima però non è intesa nell'unico senso di appartenenza biologica, ma in quello che è il più profondo significato del film: “Non importa da dove vieni, ma l’importante è a dove ti senti di appartenere”. E così Puffetta, seppur “figlia” di Gargamella, decide di vivere coi suoi amici amici blu e seguire il loro stile di vita, totalmente opposto a quello del suo “padre biologico”.

 

Anche per questo capitolo la regia è di Raja Gosnell e il doppiaggio originale di Katy Perry (Puffetta), Jonathan Winters (Grande Puffo), John Oliver (Vanitoso), Anton Yelchin (Tontolone) e Geroge Lopez (Brontolone).

 

Il film è un prodotto riuscito abbastanza bene, con un buon equilibrio tra commedia e dramma. Non è scoppiettante né sorprendente, ma non pretende nemmeno di esserlo. Senza eccessi, gradevole per un pomeriggio estivo.


 

Autore: