Mondo mamma
365

Il corso pre-parto

Come vi dicevo nel precedente post, inizialmente ero contraria a fare il cosiddetto corso di preparazione al parto, nonostante molte amiche me ne avessero parlato bene. Poi ho acquistato un libro di  Amy Bratley (autrice del più noto romanzo “Amore, zucchero e cannella”) dal titolo “L’amore della mia vita”. Mi sembrava la classica love story, ma il caso volle che si trattasse, invece, del racconto di un gruppo molto variegato di partecipanti ad un corso di accompagnamento al parto.

 

Cinque storie di vita che s’intrecciano tra loro e vengono raccontate tramite il filtro di uno sguardo appassionato e allo stesso tempo divertito, cinque future madri desiderose di affrontare nel migliore dei modi possibili la gravidanza e il parto. Cinque donne completamente diverse tra loro sia nel carattere che nel proprio vissuto, ma tutte ugualmente complicate, che scoprono come una grande amicizia, quella che sorgerà tra loro e le unirà in modo indissolubile, possa cambiare radicalmente il destino di ognuna.

 

Quando la trama ha iniziato ad infittirsi e ho capito di che si trattava, non sono riuscita più a fermarmi e, durante la lettura, in un turbinio di emozioni ho deciso di andarmi ad iscrivere al più presto ad un corso di preparazione al parto! La mia motivazione andava aldilà dell’aspetto propriamente e puramente teorico-pratico, ossia l’ottenere le informazioni utili a capire cosa mi aspettava durante la restante parte della gravidanza ed acquisire le tecniche di respirazione, ormai da me ritenute fondamentali per il parto; la mia motivazione verteva anche, e direi soprattutto, sull’aspetto umano.

 
Nessuno può capirsi meglio di due donne che si trovano nello stesso periodo di gravidanza (settimana più o settimana meno, s’intende!). Le protagoniste del libro hanno creato un legame unico ed indissolubile che le ha poi accompagnate per tutta la vita. Questo messaggio trasmesso dall’autrice mi ha aperto gli occhi e mi ha dato la carica per essere pronta a condividere con altre future mamme tutto quel che stava accadendo dentro di me.

 

L’essere predisposte alla condivisione è un atto fondamentale per sentirsi meglio. Ma di questo vi parlerò nel prossimo post.

 

 

Giuliana

Autore: