Mondo mamma
884

Il massaggio perineale

Donne, pensate che il perineo sia una parte misteriosa del vostro corpo, tipo il Punto G? Dovreste ricredervi perché a detta delle ostetriche la corretta cura del pavimento pelvico e il massaggio perineale potrebbero aiutare decisamente il vostro parto evitando la temuta episiotomia.

Il massaggio perineale è quella particolare tecnica di massaggio del pavimento pelvico, ovvero dell’area tra la vagina e l’ano, che andrebbe effettuata alcune settimane prima del parto, precisamente a partire dalla 34esima settimana di gravidanza.

Il massaggio perineale aiuta a rendere più elastici i tessuti del perineo favorendo la dilatazione nella fase espulsiva del parto e quindi a evitare lacerazioni o episiotomia (il taglio che viene effettuato dal personale medico per consentire la fuoriuscita della testa del bambino).

Come si effettua il massaggio perineale?

Potete praticare il massaggio individualmente, non è strettamente necessario rivolgersi a un’ostetrica perché la tecnica è piuttosto semplice. Munitevi di olio di mandorle dolci, o qualsiasi altro olio idoneo ai massaggi intravaginali. Trovate uno spazio e un momento intimo da riservare a voi stesse così da poter essere completamente rilassate.

Prima di iniziare è consigliabile svuotare la vescica e il retto. La posizione ideale per il massaggio del pavimento pelvico è quella semi-seduta con la schiena leggermente distesa, potreste usare una poltrona oppure il divano divaricando le gambe e piegando leggermente le ginocchia, con la pianta del piede appoggiata sul divano. Dovete cercare di protendere in avanti il bacino.

massaggio del perineo. Foto tratta da chiediallostetrica.blogspot.com Iniziate il massaggio partendo dall’esterno con le dita oleate passando dalla zona perineale alla grandi labbra. Successivamente infilate il pollice dentro la vagina spingendo contro il perineo e disegnando dei movimenti semicircolari, come le lancette di un orologio dalle ore tre alle ore nove. Il massaggio perineale dovrebbe durare da 5 a 10 minuti ed è sufficiente farlo una volta al giorno. Dopo i primi massaggi potete utilizzare due o tre dita invece del solo pollice e aumentare la pressione.

Il massaggio perineale serve a rendere più elastici i tessuti del pavimento pelvico a a ridurre l’istintiva contrazione di questi muscoli al momento del parto: la sensazione di dolore nella fase esplulsiva, infatti, induce spesso le donne a contrarsi come forma di difesa. Le tecniche di massaggio e rilassamento del pavimento pelvico aiutano a ridurre questo riflesso e agevolare il rilassamento e quindi la dilatazione dei tessuti per la fuoriuscita della testa del bambino. Il massaggio perineale non comporta alcun rischio o controindicazione.

Voi lo avete praticato in gravidanza?

Autore: