Mamma e Risparmio
348

Io leggo l'etichetta, e tu?

In tempo di crisi è bene fare attenzione a quello che si compra. Poche cose, ma buone per una dispensa piena, ma senza esagerare.

 

Esiste un modo per risparmiare al di là delle offerte altisonanti dei supermercati o dei coupon regalo? Si ed è un modo semplice e sotto gli occhi di tutti. Basta leggere l’etichetta.

 

 

 

Io leggo l’etichetta

 

Io leggo l'etichetta è un portale che insegna alle persone come, leggendo bene le etichette dei prodotti, sia possibile risparmiare fino a 1400 euro ogni anno. Questa semplice e pur geniale idea nasce dalla mente di Raffaele Brogna. Si basa sul fatto che in Italia per legge va sempre indicata nelle etichette la sede dello stabilimento di produzione o di confezionamento. Tramite queste due semplici indicazioni è possibile conoscere l’origine del prodotto, al di là dei marchi utilizzati. Quindi leggendo l’etichetta potrete scoprire che la bresaola Fresca Fetta Lidl è prodotta da Beretta o che il tè Coop in bottiglia è prodotto dalla San Benedetto. Abbiamo fatto qualche domanda allo staff di "Io leggo l'etichetta" per capire meglio come funziona e come poter risparmiare.

 

Quali sono i prodotti su cui  avete notato un risparmio maggiore?

In generale, a meno di particolari promozioni messe in campo dalle grandi marche, possiamo dire che il marchio della GDO (grande distribuzione organizzata n.d.r.)  conviene, assestando i suoi prezzi intorno al 30% in meno rispetto ai “colleghi” più famosi. E sottolineiamo che possono variare le ricette o in qualche caso gli ingredienti, ma i controlli e la qualità sono sempre garantiti. Così ci sono prodotti con una differenza di prezzo che varia dai 20 cent fino a 84 cent, come per esempio per le confezioni di Riso Pam Panorama Vs Riso Scotti.

 

Nel mondo del "bambino" spesso si spendono tantissimi soldi per prodotti cosiddetti di marca. Esistono prodotti di uguale qualità su cui è possibile risparmiare? 

Certamente, anche nel settore BABY il risparmio è dietro l’angolo, basta leggere con attenzione le etichette. Per esempio noi ci siamo occupati di confrontare alcune delle più famose marche di pannolini vendute in Italia ed abbiamo scoperto che i pannolini Coop sono prodotti da Huggies con una differenza di 64 cent di euro per confezione.

 

L'ultima iniziativa è quella dell'enciclopedia dei prodotti fatta dai consumatori. Di cosa si tratta e come possiamo invitare altri consumatori a partecipare?

Io leggo l’etichetta diventa sempre più Wiki dando modo ai consumatori di intervenire direttamente nella creazione dell’enciclopedia dei prodotti. Grazie al “software” di Wikipedia, Mediawiki, che abbiamo installato sui server che ospitano il nostro sito, la piattaforma consente a tutti i consumatori di modificare le singole liste della GDO e segnalare le proprie scoperte. Esattamente come su Wikipedia potete aggiungere o modificare le voci: uno strumento che consente la condivisione della conoscenza e della consapevolezza di acquisto, fondamentale ancora di più oggi per affrontare insieme la crisi e riuscire a risparmiare.

 

Quale consiglio possiamo dare a tutte le mamme che fanno la spesa cercando di risparmiare?

Il nostro consiglio è di non comprare ad occhi chiusi basandosi sulle antiche fidelizzazioni dei grossi marchi, ma imparare sempre più a destreggiarsi nella giungla del marketing, leggendo le etichette in modo attento e approfondito. Questo atteggiamento più responsabile può farci risparmiare davvero tanti soldi e non solo, ci regalerà anche la sensazione gradevole di aver fatto il classico “affarone”!

 

Autore: