Mondo mamma
418

La paura dell'aborto

Ieri è stata una bruttissima giornata e per la prima volta ho toccato con mano la paura di perdere il mio bambino.

Una cara amica, anzi la mia amica di pancia come la chiamavo, ha abortito alla tredicesima settimana. La sua gravidanza era una settimana avanti rispetto alla mia e a dire il vero io credevo ormai superato il periodo difficile e critico. Invece mi sbagliavo.

 

La mia amica ha perso il suo bambino proprio nella settimana in cui entrava al quarto mese, perché sono sorte complicazioni. Tutti noi abbiamo sempre sentito parlare di aborto entro il terzo mese come di un rischio naturale e diffuso, ma affrontare questo argomento mentre sei incinta è tutto un altro discorso. Alla tristezza per la perdita che sta affrontando la mia amica si unisce ovviamente la terribile paura che possa succedere lo stesso a me. Ho vissuto questo momento come un vero e proprio lutto, la perdita di una persona che conosci e alla cui presenza sei abituato, anzi perfino un po' dipendente.

 

Non riesco a comprendere appieno quali siano i sentimenti che adesso prova la mia amica. Vorrei starle vicino ma mi rendo conto che probabilmente sono l'ultima persona che lei vorrebbe vedere. Inoltre, non posso negare che l'argomento mi turba davvero tanto e non sono certa di essere in grado di sostenere la mia amica.

 

Ho saputo dal marito che preferisce non essere chiamata, vuole stare un po' da sola e tranquilla. Rispetterò la sua richiesta e attenderò che sia lei a farmi sapere quando vuole parlare un po'.

La prossima settimana devo effettuare l'ultrascreen e adesso non vedo l'ora che arrivi quel momento per sapere come sta il mio bambino.

 

Autore: