Mamma e Risparmio
662

Le creme solari

Iniziano le prime esposizioni al sole per noi e per i nostri bambini. La loro pelle è quella che va soprattutto tutelata e protetta per evitare scottature e danni di vario genere provocati da una esposizione sconsiderata ed eccessiva alla luce solare. I prodotti per la protezione della pelle dei bambini sono numerosissimi e tutti promettono miracoli protettivi e scudi invalicabili, ma è davvero così? Grazie ad una guida realizzata da Guidamamme ed al Biodizionario, cerchiamo di fare chiarezza sui prodotti protettivi per bambini.



Controlliamo il fattore protettivo

La prima cosa da valutare è naturalmente il livello di protezione garantito. Non acqustate prodotti con la dicitura “schermo totale” poichè non esistono prodotti che garantiscono una protezione così assoluta e i produttori che utilizzavano questo termine sono stati redarguiti dalla Comunità Europea. Per i bambini la protezione ideale è quella molto alta o 50+. Ricordatevi che il fattore protettivo indicato si riferisce ai raggi UVB cioè quelli che potrebbero causare le scottature ma controllate anche che sia indicato il fattore protettivo contro i raggi UVA i veri nemici della pelle. Il consiglio è quello di spalmare la crema prima di andare al mare in modo da darle il tempo di assorbirsi e di essere maggiormente efficace.


 

Uno sguardo agli ingredienti

All’interno delle creme solari protettive esistono due tipi di filtri quelli fisici e quelli chimici. I filtri fisici sono inerti e generalmente non creano problemi a nessun tipo di pelle, uno dei filtri fisici più noto è l’ossido di zinco. Insieme a quelli fisici, che da soli non basterebbero per dare la giusta protezione, ci sono anche i filtri chimici e sono proprio questi quelli maggiormente sotto accusa o comunque da controllare con attenzione prima di scegliere il prodoto da acquistare. Verificate anche tramite il Biodizionario il livello di pericolosità degli ingredienti dei prodotti e ricordate che più in cima alla lista degli ingredienti si trova un elemento maggiore sarà la sua concentrazione quindi un ingrediente segnato in rosso che però si trova in fondo alla lista degli ingredienti tutto sommato può essere accettabile.


 
Autore: