Mondo mamma
576

Mammitudine e la festa dei nonni

nonniIl 2 ottobre è la Festa dei Nonni, un giorno speciale dedicato a queste figure tenere, adorate dai nipotini (dicono sempre SI, molto utile quando da mamma e papà è arrivato un categorico divieto a qualcosa) e preziose per mamme e papà alle prese con orari d'ufficio e vita casalinga.

Ma la Festa dei Nonni non è una ricorrenza che si festeggia da tantissimo tempo o quanto meno non è una data impressa nella mente di tutti. Il 25 dicembre sappiamo tutti cosa succede, ma il 2 ottobre non è detto che tutti ricordino essere il giorno dedicato ai nonni. Vi racconto un po' la mia esperienza: Mammitudine e la Festa dei Nonni.

Se non bazzicate da molto nidi, asili o scuole elementari probabilmente quando avete sentito questa notizia anche voi avete fatto la mia faccia. Un enorme punto interrogativo si è stagliato sul mio volto quando qualcuno, una volta che ero diventata mamma, mi disse "e per la festa dei nonni cosa regali?".

Non lo sapevate? Aggiornatevi! Dopo San Faustino (il patròn dei single) ecco un'altra festa che riempie le nostre scadenze: il 2 ottobre la festa dei nonni.

Non siate prevenuti però, la festa ha origini religiose importanti, si celebrano Anna e Gioacchino i nonni di Gesù che, nella sua vita terrena, è stato anche un bimbo coccolato, amato e viziato dai nonni. Nella nostra società i nonni sono tornati ad essere una risorsa per noi mamme lavoratrici che, prese dal panico delle chiusure pomeridiane degli asili ("ah, non siete aperti fino alle 21?!?!"), riusciamo a mantenere gli impegni lavorativo grazie anche al supporto dei nonni.

Facciamo un passo in dietro però, perchè ora che siamo genitori, la vita precedente sembra dimenticata per sempre in un oblio offuscato. Ma i nonni, quei simpatici omini sorridenti pieni di coccole e attenzioni verso i vostri pargoli sono stati genitori. Avete notato anche voi la metamorfosi? Io si. Siamo passati dalla versione vendicativa di Hitler alla versione melensa di Babbo Natale. Quegli stessi genitori che vi hanno imposto regole, inflitto castighi, lanciato sguardi di fuoco ad ogni vostra marachella, ora sono disposti a farsi ballare in testa con le scarpe da tip tap dai vostri frugoletti mentre li premiano con cioccolati e caramelle per l'ottima performance musicale.

Ecco allora che il 2 ottobre diventa un giorno speciale, un giorno per ringraziarli per il loro supporto e un giorno per poter dare fiato, finalmente, alle parole che sempre avreste voluto direi ai vostri genitori, ma non avete mai avuto il coraggio di fare: "Auguri mamma e papà, ve l'avevo detto che alla fine vi sareste rimbambiti."

 

 

Autore: