Mondo mamma
2071

Modi originali per comunicare la gravidanza

Quella lineetta del test di gravidanza non lascia alcun dubbio: sei incinta.

Quando ti sarai ripresa dallo schock iniziale dovrai pensare a come comunicarlo ai tuoi cari: prima al tuo compagno. E poi genitori, fratelli o sorelle e amici. Ad ognuno di loro potresti fare una sorpresa diversa per comunicare in maniera anche divertente che la famiglia si sta allargando.

 

Al tuo compagno potresti regalargli un insolito risveglio. Svegliati prima di lui, punta la sua sveglia e poni sopra la sveglia il test di gravidanza. Quando cercherà di spegnerla troverà una bellissima sorpresa.

Se invece vuoi fargli una sorpresa prima di cena, puoi apparecchiare per tre (o per quattro se è il secondo bimbo in arrivo) e spiegargli che presto arriverà un nuovo commensale a tavola. Anche in questo caso l’effetto stupore è garantito.

 

Un modo molto romantico (che potrà essere anche conservato) è quello di ritagliare un cuoricino di cartone grande circa 10 cm e incollarci sopra un chicco di riso. Fatelo trovare ai vostri genitori sul tavolo del pranzo o davanti alla caffettiera, insomma in un posto in cui possono sicuramente vederlo e al suo interno scrivete “Per ora è piccolo così, ma presto diventerà tuo nipote!” L’effetto lacrime è garantito.

 

Simpatica idea è quella che prevede il regalo di “buoni d’acquisto”. Organizzate una cena con i vostri parenti e sotto il piatto di ognuno di questi scrivete un biglietto personalizzato: “buono per un cuginetto/nipotino da ritirare nel mese di… (mese della presunta nascita)" sarà una bella sorpresa divertente e inaspettata.

 

Un’idea dolce è quella di scrivere l’annuncio della futura nascita in un bigliettino dentro un biscotto della fortuna. In questo caso ci vorrà un po’ di dimestichezza con i fornelli, ma tutto sommato la ricetta è semplice e l’effetto sorpresa è molto gradito. Al’interno potrete scrivere dei biglietti divertenti come “Presto saremo in 3” oppure “nome del padre + nome della madre = nome del bambino”.

 

Autore: