Mamma e Risparmio
329

Olio di mandorle amico della pelle

La nostra terra collocata nel cuore del mediterraneo è fonte inesauribile di piante benefiche dalle proprietà quasi miracolose. Le più semplici e le più comuni sono quelle che racchiudono maggiori benefici e che possono essere utilizzate in tantissimi modi. L’olio di mandorle dolci è un esempio lampante.



Proprietà

L’olio di mandorle dolci è ricchissimo di vitamina E e B, di acidi grassi e di sali minerali. Il miscuglio di queste sostanze fa si che l’olio di mandorle sia un prodotto utile non solo per la pelle, ma per l’intero organismo. Valutate sempre di acquistare un prodotto puro (chiedete in erboristeria) che sia senza conservanti e non raffinato. Per uso interno bastano un paio di cucchiai al giorno per ritardare l’invecchiamento, purificare il corpo dalle tossine e dai grassi cattivi che possono portare a malattie come la trombosi e aiuta anche a regolarizzare l’intestino. Per uso esterno, invece, è un ottimo antismagliature (utile per le mamme in dolce attesa, da applicare su pancia, glutei, cosce e seni) ed è talmente delicato che va bene anche per idratare e lenire la pelle dei bambini.



Usi

Oltre che per ingestione, l’olio di mandorle è un vero toccasana per la pelle. Le sue proprietà elasticizzanti ed emollienti vengono spesso usate in composizione con altri prodotti naturali per esaltarne i risultati e ottenere dei portentosi oleoliti. Gli oleoliti sono il frutto della macerazione, in olio, di piante (foglie o fiori) che dopo essere state essiccate vengono chiuse ermeticamente e coperte di olio in attesa che macerino e rilascino così le loro proprietà benefiche. In questo modo l’olio di mandorle è un’ottima base e può, per esempio, essere utilizzato insieme ai fiori essiccati di calendula per un composto idratante adatto per le mani secche, i geloni o le cuperose. Oppure può essere unito ai fiori di lavanda come antidolorifico, antireumatico o come antisettico nel trattamento dell’acne.


 
Autore: