Mondo mamma
564

Palermo, la storia di un bebè nato «sfidando le regole»

Sulla sua sopravvivenza ci credevano in pochi, diversi pareri medici concordavano sul fatto che la gravidanza non sarebbe andata avanti. E invece il piccolo Gaetano è nato per la gioia dei suoi genitori, mamma Marilena e papà Antonio.

"La storia di questo neonato è una storia di regole capovolte, di protocolli medici volutamente violati, della scienza che mette in discussione se stessa", si legge in un articolo del Giornale di Sicilia che ha riportato questa storia.

Mamma Marilena soffriva da anni di iperinsulinemia e ipoglicemia, in sintesi era quasi diabetica. Da tempo si curava con la metformina, farmaco che ad oggi non può essere assunto in gravidanza. O almeno è ciò che prevedono i protocolli sanitari. Non appena appresa la notizia di essere in dolce attesa insomma la donna deve sospendere questa terapia. 

A quel punto sono iniziate  varie complicazioni, come l'eccessivo aumento di peso tanto da rischiare l'aborto. Nei primi mesi di gravidanza arriva il diabete gestazionale e con esso la salute del bebè è sempre più a rischio. La strada tracciata sembrava andare verso una triste direzione. L'intervento di un medico ha invece cambiato rotta e il piccolo Gaetano oggi si trova fra le braccia di mamma e papà.  "Il coraggio e la professionalità di Vincenzo Provenzano, dell’ospedale di Partinico, mi ha permesso di portare avanti la gravidanza - racconta Marilena al Giornale di Sicilia -. Provenzano si è assunto la responsabilità, per iscritto, di somministrarmi la metformina in gravidanza".

Provenzano, primario di Diabetologia dell'ospedale di Partinico, ha condotto degli studi che dimostrano che si può fare malgrado i protocolli nazionali lo vietino.

"Vorreiche questa storia facesse da apripista per cambiare i protocolli e affrontare meglio il problema del diabete gestazionale", dice ancora la donna. 

In Italia il diabete gestazionale ha un'incidenza fra l'11 e il 13%. L’ospedale di Partinico, centro di riferimento regionale per la diabetologia, sta portando avanti un progetto che prevede una campagna di sensibilizzazione e screening delle donne in gravidanza e post gravidanza. 

Autore: