Tempo libero
697

Palermo, uno spettacolo a sostegno di un circo sociale ai Danisinni

Sabato 27 gennaio alle ore 21, appuntamento con le magie del circo-cabaret al Teatro dei Cappuccini, piazza Cappuccini 1 a Palermo, per sostenere la campagna crowfunding ‘Danisinni Circus’, destinata alla creazione del primo circo sociale permanente in città, appunto nel quartiere popolare ai Danisinni.

Un evento circense curato dagli artisti di Circ’Opificio e Circ’All e la partecipazione straordinaria di performer svizzeri di fama internazionale. L’intervento di tutti gli artisti è gratuito e a sostegno dell’iniziativa benefica. 

Uno spettacolo per tutta la famiglia tra cabaret, acrobati e giocolieri

Una serata all’insegna del riscatto sociale e del linguaggio dell’arte, ma con tanto divertimento per adulti e bambini tra gag, illusioni e poetiche performance con bravissimi acrobati, giocolieri e clown.

A poco meno di due settimane dalla fine della raccolta fondi, inaugurata lo scorso mese sulla piattaforma produzionidalbasso.com, questo evento conclusivo permetterà di raggiungere la cifra di cinque mila euro, che serviranno a coprire le spese di trasporto e installazione di un tendone da circo a quattro punte con diametro di 18 metri (messo a disposizione dall’Associazione Circ’All che ne curerà le attività insieme a Circ’Opificio), su una superficie coperta di 250 metri quadri all’interno del Parco Santa Agnese nel quartiere Danisinni.

Il progetto Danisinni Circus

Danisinni Circus  è un circo sociale, moderno, partecipativo, senza animali curato da giovani e artisti per i ragazzini di un quartiere a rischio.

Il circo sarà un laboratorio di attività destinato agli adolescenti che vivono in un ambiente difficile. "Il circo come contenitore di significati e valori per favorire e promuovere una crescita inclusiva attraverso il gioco e l’arte; le arti circensi come strumenti per educare alla legalità", spiegano gli organizzatori.

Danisinni Circus è il capitolo successivo del progetto Rambla Papireto, avviato nel 2017 dall’Accademia di Belle Arti con attività che hanno animato differentemente il territorio.

La funzione educativa del circo

"L’arte è uno strumento sociale ed educativo potente per combattere degrado e delinquenza": sta un po' tutto in questo concetto il motivo che ha spinto i giovani dell'Accademia di Belle Arti di Palermo, della Parrocchia Santa Agnese e delle associazioni ‘Insieme per Danisinni’ e ‘Centro Tau’, ad avviare un progetto come il "Danisinni Circus".

Il circo sociale avrà un forte impatto educativo anche in materia di diritti delle persone e degli animali, perché nascerà su terreni che sono stati riqualificati e sottratti ad attività illecite, come la macellazione abusiva, e oggi destinati a fattoria didattica e orto urbano.

"In un territorio così compromesso l’attività di recupero e riqualificazione in chiave artistica ha aggiunto dopo giorno un nuovo mattone di legalità e socialità, laddove normalità possono essere le corse clandestine di cavalli o le lotte tra cani. ‘Danisinni Circus’ insegnerà agli adulti di domani che il rapporto tra animali e umani è fatto di altro: rispetto, comprensione e amore", spiegano i volontari. Un lavoro già avviato con la realizzazione della fattoria didattica curata della parrocchia Santa Agnese.

La campagna di crowdfunding per raccogliere 5mila euro

Non chiedono poi molto questi giovani che vedono nel circo sociale un'occasione di riscatto per i giovani di un quartiere difficile: servono in tutto circa 5mila euro per realizzare il progetto. Con la campagna di crowdfunding, lanciata lo scorso mese sulla piattaforma Produzioni dal Basso e chiusa due settimane fa, è stata raccolta più o meno la metà della cifra necessaria per avviare il progetto. 

Ora serve un piccolo sforzo in più. La partecipazione allo spettacolo può essere un modo per dare ognuno un proprio contributo a un ambizioso progetto di rinascita di un quartiere, ma soprattutto dei suoi bambini e ragazzi. 

L’ingresso è con donazione minima di 5 euro; i biglietti si potranno ritirare la sera stessa dell’evento, o anticipatamente, visto il numero limitato di posti a sedere, presso la Libera scuola Waldorf (via Filippo Parlatore, 20); e la sede di Circ’Opificio (via Ammiraglio Denti di Piraino, 1; oppure telefonicamente al seguente recapito: 320.2315248).

Collegandosi alla pagina ‘Danisinni Circus’ sulla piattaforma produzionidalbasso.com sarà possibile, con una donazione minima di 15 euro, ricevere in regalo un biglietto in prima fila (solo 30 posti d’onore); scoprire la campagna e tutte le altre sorprese riservate a chi sosterrà il progetto, come le palline da giocolerie realizzate durante i laboratori dalle ragazze e i ragazzi di Danisinni; le splendide shopper serigrafate artigianalmente con le simpaticissime illustrazioni di Studio Brushwood, le cartoline di ‘Danisinni Circus’.

Autore: