Mamma e Risparmio
3212

Paste modellabili ecologiche

Le paste modellabili rientrano nella categoria giochi senza tempo che divertono e rilassano grandi e piccoli. Il movimento delle mani, la realizzazione di un oggetto concreto e la consistenza della pasta rende questo gioco quasi terapeutico. In commercio ne esistono diversi tipi ma con una spesa molto inferiore e utilizzando solo prodotti naturali è possibile creare in casa delle paste modellabili perfette a base di sale scegliendo tra due diversi procedimenti.
Pasta di sale (a crudo)

La pasta di sale è la più tradizionale e conosciuta, ci sono diverse ricette ma il trucco è essenzialmente quello di polverizzare il sale per rendere la pasta molto liscia. Per realizzare questa pasta occore:

- farina e sale polverizzato in identica quantità (per esempio una tazza)

- acqua (dimezzare le dosi rispetto alla farina, per esempio mezza tazza)

- 2 cucchiai di olio di semi

Quest ultimo ingrediente in particolare serve a dare elasticità al composto. Per prima cosa vanno mescolati i due ingredienti solidi, farina e sale, e l’acqua va aggiunta lentamente per non creare grumi. Incorporare molto lentamente anche l’olio di semi. Quando l’impasto sarà compatto va avvolto con la pellicola trasparente e riposto in frigorifero per almeno un paio di ore in modo da compattare al massimo la pasta. Quando siete pronti per lavorarla potete decidere di utilizzarla neutra (bianca) e colorarla successivamente o incorporare al suo interno dei colori per renderla variopinta mentre si lavora.

 



Pasta di sale (cotta)

Esiste anche la variante da cuocere (da fare se avete più tempo a disposizione). In questo caso occorrono:

- 3 tazze di farina

- ½ tazza di sale fino

- 4 cucchiai di olio di semi

- 3 tazze di acqua

- 15 gr di cremor tartaro (noto anche come bitartrato di potassio o idrogenotartrato di potassio)

In questo caso gli ingredienti vanno messi insieme ed amalgamati in una pentola e vanno cotti a fuoco lento. Bisogna rimescolare molto soprattutto all’inizio, poi l’’impasto prenderà consistenza e si staccherà dalle pareti. A quel punto prendete la palla che si è formata e mettetela su un tagliere in attesa che diventi tiepido. Non appena è possibile maneggiarlo, va avvolto nella pellicola trasparente e conservato dentro un barattolo in frigo. Ogni volta che lo userete ricordatevi di conservarlo in questo modo e durerà parecchi mesi.

e ora...coloriamo!

Le paste che abbiamo preparato sono decisamente migliori e più divertenti se possono essere colorate. Il consiglio che vi do, per avere dei colori vivaci è quello di dividere il composto in varie palline e incorporare al loro interno i colori che desiderate. Anche in questo caso, possiamo creare noi i coloranti usando solo prodotti naturali (così se qualche bimbo curioso avrà voglia di assaggiare le nostre paste modellabili non correrà nessun pericolo)

Per il verde: lessare un paio di foglie di lattuga, una volta cotte frullarle (aggiungere acqua di cottura se risulta troppo denso)

Per il rosso: frullare o grattuggiare mezza rapa rossa (o barbabietola)

Per il giallo: un pizzico di zafferano, un po’ di acqua e il giallo è fatto!

Per il marrone: basta utilizzare qualche goccia di caffè

Se invece desiderate usare un procedimento più rapido basta acquistare dei coloranti alimentari da diluire con poca acqua. Attenzione, ricordate che ne basta davvero poco e ricordatevi che i coloranti macchiano, quindi quando avrete finito di colorare una pallina, lavatevi molto bene le mani prima di maneggiare l’altra.

Autore: