Chiedi all'esperto
419

Paura degli estranei

Sono la mamma di una bimba di 4 anni che frequenta l'asilo privato da 2 anni. Di recente la maestra mi ha informato del fatto che mia figlia, causa la troppa timidezza, non riesce ad integrarsi facilmente con i compagni. La piccola ha paura fino a scaturire il pianto in presenza di persone anziane; inoltre, in presenza di persone estranee chiede la mia presenza (mi afferra la mano o si nasconde fra le mie gambe), se qualche altra maestra (che lei conosce poco) le chiede di fare qualcosa, rimane inibita.

 

La maestra mi ha consigliato di frequentare un corso di psicomotricità o comunque di farla socializzare o frequentare sport.
Credo sia colpa mia poiché sono una mamma chioccia..... e mi dispiace tantissimo!
Quale sport mi consiglia?
Spesso noi genitori, mossi dal desiderio di proteggere i nostri figli, trasmettiamo in loro una forte ansia che inevitabilmente si traduce in paura e diffidenza nei confronti dell'estraneo.

 

I bambini posseggono lunghissime e molto sensibili "antenne" pronte a percepire i nostri timori e le nostre debolezze per farsene carico. Ciò che  per noi è un tentativo di allontanarli da un male si traduce in un male esso stesso. Ma l’attenzione verso il cambiamento della sua bimba è già dimostrazione che ha intrapreso un percorso che aiuterà entrambe a superare un piccolo ostacolo del lungo percorso evolutivo.

 

La possibilità di praticare uno sport in compagnia di pari è sicuramente un buon consiglio. Attraverso esso, infatti, sua figlia potrà entrare meglio in contatto con se stessa, con le sue possibilità e i suoi limiti.  In questa fase di sviluppo uno sport come l’atletica leggera  potrebbe fare al caso di sua figlia. Potrebbe giocare in gruppo, fare nuove amicizie, confrontarsi con altri senza un carico eccessivo di competizione.
Spero di averle dato un utile consiglio. Cerchi di trasmettere a sua figlia la grande ricchezza dello stare in relazione con altri “estranei”, portatori di diversità e dunque di novità che arricchiscono la nostra crescita.

 

Dott.ssa Chiara Hoffman

Psicoterapeuta Gruppoanalista,
specializzata alla COIRAG



 

 

Autore: