Libri e giochi
377

Premio Andersen 2013

Il Premio Andersen è il più prestigioso premio nazionale che riguarda la letteratura per bambini e ragazzi. I vincitori, che appartengono a categorie ben determinate sono scelti da una giuria composta dalla redazione della rivista Andersen, promotrice del premio, e vengono selezionati secondo attenti criteri di qualità.

 

 

Per i più piccoli

E’ “Oh-Oh!” dell’irlandese Chris Haugthon (Edizione Lapis) il libro che è stato selezionato per le letture dei più piccoli. Un libro semplice ed essenziale ma che sorprende per i dettagli curati che affascinano grandi e piccoli. Un gufetto perde la sua mamma e grazie ad uno scoiattolo premuroso riuscirà a ritrovarla confrontando la sua forma con quella di molti altri oggetti disparati.

Una storia essenziale che ha visto trionfare il libro facendogli aggiudicare anche il “Super Premio Andersen” dedicato alla memoria del fondatore del Premio, Gualtiero Schiaffino. Qui potete vedere il "making of..." del libro.

 

 

Per bimbi fino ai nove anni

Il secondo libro che ha meritato un posto d’onore nella rosa del Premio classificandosi primo per la categoria bambini dai sei ai nove anni è “Nel bosco della Baba Jaga” (Cosimo Panini Editore) del ferrarese Luigi dal Cin.  Raccoglie una collezione di fiabe russe e leggende rielaborate, ma mantenendone intatta l’originalità.

Si parla di zar che abitano palazzi immensi, principi coraggiosi e pope saggi e naturalmente anche di Baba Jaga, perfida che vive nella casa sorretta da zampe di gallina. Le illustrazioni sono realizzate da alcuni tra i più importanti artisti italiani e stranieri tra cui la francese Clotilde Perrin, lo spagnolo David Pintor e il giovane italiano Valerio VIdali.

 

 

 

 

...e per i più grandi

I libri che hanno raggiunto il voto massimo della giuria e che sono adatti ai bambini dai nove anni in su sono “La meravigliosa macchina di Pietro Corvo” di Guido Quarzo per Salani Editore; “L’indimenticabile estate di Abilene Tucker” di Clare Vanderpool (Edizione Giralangolo) e “Quindici giorni senza testa” di Dave Cousins edito da San Paolo.

 

Il primo è ambientato in una Torino di fine settecento e narra le vicende di Giacomo, un orfanello che inizia a lavorare con Pietro Corvo un sapiente orologiaio che, stanco di vivere senza un amore ricambiato, decide di costruire lui stesso la sua donna ideale. E’ un libro ricco di colpi di scena, adatto a ragazzi fino ai dodici anni che vogliono il piacere della lettura ad alta voce.

 

Il secondo libro di Clare Vanderpool è ambientato in una cittadina del Kansas dove una ragazzina curiosa e un po’ ribelle, Abilene, seguirà le tracce di un mistero che la porteranno indietro nel tempo, fino alla Prima Guerra Mondiale e in un altro luogo. Il libro è stato premiato per la capacità narrativa con cui intreccia le storie alla Storia, creando una trama appassionante e misteriosa.

 

L’ultimo libro per ragazzi pre-adolescenti narra la storia di Laurence che vive con una mamma problematica e un fratellino che talvolta pensa di essere un cane. La sua vita si complica quando la mamma sparisce e Laurence dovrà badare al fratello e fingere di non aver problemi per evitare che vengano affidati a qualcun altro. Un racconto sicuramente adatto a un pubblico di giovani lettori che si apprestano ad entrare nell’età adulta scontrandosi con realtà a volte crude ma vere degli ambienti degradati.

 

Autore: