Mamma e Risparmio
793

Quattro chiacchiere con Le (Eco)nome

Hanno iniziato per gioco, per risparmiare, per trovare nella condivisione di idee e suggerimenti la strada per affrontare al meglio il buio periodo di crisi nel quale ci troviamo. Adesso è un gruppo su Facebook seguitissimo, gestito da otto amministratori, anzi amministratrici visto che sono tutte mamme, nel quale è possibile trovare ricette per autoprodurre, siti interessanti che aiutano a risparmiare, offerte, sconti e molto altro. Tutto questo ha un nome: Le (Eco)nome e noi le abbiamo intervistate per capire meglio come funziona questo gruppo e se davvero la condivisione è la strada per il risparmio:

 

Cosa vuol dire Le (Eco)nome? Come e quando è nata l’idea di un gruppo di economia domestica su facebook?

(Eco)nomo è chi, come noi, cerca di riscoprire i vecchi rimedi casalinghi e naturali mantenendo sempre e comunque un occhio al portafogli. L'idea è nata da una discussione di gruppo. Si sentiva la necessità di scambiarsi consigli ed esperienze, specie in tema risparmio che - in questi tempi di crisi - è un tema che ci tocca un po' tutti.

 

 

Che attività si svolge all’interno del gruppo?

Se ne svolgono molteplici e sono sempre più in crescita. Siamo partite con l'idea di scambiarci piccoli trucchi per evitare di spendere più del necessario e siamo finite a scambiarci consigli su autoproduzioni e decrescita, passando per i gruppi d'acquisto e gli annunci del mercatino dell'usato.

 

 

Spiegate brevemente a chi non lo sa cosa è un gruppo di acquisto e come funziona?

I gruppi d'acquisto si basano su un semplice concetto: più siamo, più possiamo risparmiare.

Se una persona va a comprare un pacco di pasta lo pagherà quanto un pacco di pasta, ma se cento persone vanno a comprare lo stesso pacco tutte assieme e chiedono uno sconto, molto spesso il venditore acconsentirà ad abbassare di qualche punto il proprio guadagno unitario a favore di quello che ricaverà dal vendere a così tanta gente.

 

 

Con i consigli e i gruppi di acquisto è possibile davvero risparmiare? Mi fate qualche esempio concreto?

Si, con i gruppi di acquisto si riesce a risparmiare. Ad esempio prima delle vacanze abbiamo lanciato dei GA per i libri ottenendo lo sconto del 30% acquistando direttamente dall’editore.

 

 

Ad oggi il gruppo conta più di quattromila e trecento iscritti e il numero tende a crescere, una bella soddisfazione! In generale chi si iscrive al vostro gruppo?

L'utente medio è donna, quasi sempre mamma. Tutti però siamo accomunati dalla voglia di riscoprire le possibilità che il fai-da-te (sia esso in campo culinario, edilizio o altro) ci offre, in opposto a una società dove il 'tutto pronto & subito' sta diventando dilagante.

 

 

Ma questo è il vostro lavoro?

Assolutamente no, anche se dedichiamo molto tempo al gruppo. Siamo tutte mamme che hanno deciso di dedicarsi ai propri figli.

 

 

Ma chi ve lo fa fare?

Viviamo in un mondo dove si stanno perdendo i valori di 'buon vicinato'. Anche se solo virtualmente ci piace trasmettere il piacere di stare insieme e cooperare l'uno con l'altro.

 

 

Grazie per le vostre risposte, a questo punto non resta che cliccare sulla pagina Facebook de Le (Eco)nome e iniziare a risparmiare!

 

Autore: