Mondo mamma
533

Scoprire il sesso del bambino

Sono nel pieno del quarto mese di gravidanza e chissà perché mi ero convinta che a questo punto avrei già dovuto conoscere il sesso del bambino. Comincio ad avere voglia di acquistare qualcosa per il bebé e non è facile trovare tutine neutre da corredino. Lo screening non ha rivelato nulla sul sesso del feto e anche l’ecografia successiva ha mostrato un piccole esserino a gambe incrociate e pudico.

Considerata la mia eccessiva curiosità avrei potuto optare per l’otto test, un semplicissimo test con esame di sangue che ti rivela immediatamente il sesso del nascituro. Eppure ho continuato a essere convinta che sarebbe bastata un’altra ecografia per svelare il mistero. Allora ho prenotato un’ecografia in 3D, l’esito generale della scelta non è stato positivo.

La settimana di gestazione era prematura per un esame tridimensionale che ha mostrato un feto dalle guance scarnate che metteva in mostra soltanto lo scheletro e poco più. Pertanto, vi sconsiglio vivamente di effettuare l’ecografia tridimensionale prima della 20esima settimana di gravidanza.

Tornando al senso del bambino, neanche questa ecografia ha rivelato certezze, ma ha messo in campo una probabilità: potrebbe trattarsi di una femminuccia. Cosa significa potrebbe? Semplicemente non si è visto nulla e allora il medico ha ipotizzato sesso femminile. Troppo poco per dare il via agli acquisti del corredino rosa, ma allo stesso tempo è stato impossibile mantenere il segreto su questa probabilità. Ed eccomi a comunicare tutto alle future nonne: errore imperdonabile perché adesso l’armadio accoglie già qualche tutina rosa.

Sarà davvero una femminuccia? Non mi è dato ancora saperlo, ma sento una sensazione contraria: fin dall’inizio ho immaginato un bambino e nonostante la comunicazione del ginecologo ancora oggi continuo a pensare a un piccolo maschietto. Staremo a vedere chi ha torto e ragione sul sesso del nascituro.

Autore: