Chiedi all'esperto
841

Spiegare la morte ai bambini

Tra Halloween, Ogni Santi e soprattutto la Commemorazione dei Defunti il tema della morte attraversa inevitabilmente le nostre case.

I figli spesso interrogano i genitori su tale tema e spesso si trovano di fronte risposte evasive e fuorvianti proprio perché anche tra gli adulti il tema della morte viene spesso ostracizzato nel tentativo che questo non susciti dolore.

Però di fronte alla morte di una persona cara, un nonno, uno zio o anche un genitore, ci si trova impreparati nell’affrontare una tematica tanto dolorosa. Come spiegare dunque la morte ai nostri bimbi?

Chi è credente può sicuramente appoggiarsi alla spiegazione di una vita spirituale oltre quella terrena, chi invece è ateo con un po’ di difficoltà in più affronta tale argomento.

In entrambi i casi ciò che sarebbe opportuno fare è affrontare con i nostri bimbi tale tema cercando di spiegare l’assenza definitiva di un caro attraverso un linguaggio adatto ai più piccoli, ma che non ometta la realtà. Ciò comporta lo spiegare che la morte non ci consente di rivede più le persone care, ma che esse vivranno sempre dentro di noi attraverso i ricordi che abbiamo conservato e ciò che ci hanno trasmesso durante la loro vita.

Rabbia, dolore e disorientamento spesso sono i sentimenti che attraversano tutti noi, compresi i bambini, nei momenti di lutto. I nostri figli hanno dunque bisogno che un adulto fornisca loro gli strumenti adatti a riconoscere tali sentimenti e a poterli elaborare, partendo dal presupposto che la morte, esperienza di massimo dolore, è una tappa della vita.

Non parlare della morte di fronte ad una richiesta di un bimbo, aumenta la sua frustrazione, il suo dolore e toglie dignità al bimbo stesso che, in un momento di sconforto, cerca risposte dai propri punti di riferimento. I nostri figli devono sapere di poter comunicare liberamente i propri sentimenti, perciò non evitate di parlare della morte, affrontate l’argomento ed aiutate i vostri figli ad elaborarlo, attraverso parole semplici, attraverso il vostro conforto e cercando di spiegare loro ciò che sopravvive dentro di noi della persona cara che ormai è defunta.

Autore: