• giovannavent

Mari puliti, in Sicilia sei Bandiere Blu: ecco quali sono

Eccellente qualità delle acque, spiagge attrezzate, servizi di salvataggio e accoglienza: la Sicilia quest'anno ottiene sei "Bandiere Blu", il prestigioso riconoscimento assegnato dalla Fondazione per l'educazione ambientale (Foundation for Environmental Education - Fee) ai mari più puliti.

A ottenere l'ambito vessillo sono tre località balneari in provincia di Messina: Santa Teresa di Riva, Tusa, Lipari; Ispica e Ragusa e Menfi, nell'Agrigentino. 

In particolare le bandiere blu sono state confermate per Santa Teresa di Riva al lungomare, per Tusa nella spiaggia Lampare e spiaggia Marina, per Lipari ad Acquacalda, Canneto, per Vulcano nelle Acque Termali ed a Gelso, per Stromboli a Ficogrande; per Ispica a Santa Maria del Focallo, Ciriga I tratto, Ciriga II tratto, Ciriga III tratto, per Ragusa a Marina di Ragusa, per Menfi a Porto Palo Cipollazzo, e Lido Fiori Bertolin. Nessun approdo turistico siciliano è stato invece premiato dalla Fondazione.

Quest'anno non è andata proprio bene alla nostra regione, che ha visto perdere una bandiera blu, Pozzallo, che invece era stata selezionata nella passata edizione.  Sei bandiere blu tuttosommato sono poche per un'isola, come la Sicilia, ha il maggior numero di km di coste balneabili in Italia: il 22% della costa italiana.  

Bandiere Blu: i criteri

L’assegnazione segue procedure ben precise che seguono il protocollo Uni-En Iso 9001-2008. Le località vengono prima selezionate da una giuria internazionale e poi da una nazionale. Alla selezione collaborano infatti altri enti, dal ministero dell’Ambiente a quello della Cultura e del turismo, dal Comando generale delle Capitanerie di Porto-Guardia Costiera all’Ispra.

I criteri che spiagge e località devono avere per essere insignite del prestigioso titolo sono 32 e vengono aggiornati periodicamente per spingere le amministrazioni locali a fare sempre meglio in materia di tutela e salvaguardia della propria costa e dell'ambiente in generale.

Il primo requisito è l'eccellente qualità delle acque di balneazione. A seguire il controllo delle acque reflue e della rete fognaria, la raccolta differenziata, la presenza di aree pedonali, piste ciclabili, arredo urbano curato, aree verdi, spiagge accessibili a tutti e servizi, come personale addetto al salvataggio e all'accoglienza. 

Autore: Redazione

1 visualizzazione

BABYPLANNER.IT

è un marchio di Ass. Cult. MAD

via Isidoro La Lumia, 22 - Palermo

P.IVA 05292310827

Seguici

  • White Facebook Icon
  • Bianco Instagram Icona

© 2013