• giovannavent

Sabbia e acqua pulita: i 10 requisiti delle spiagge a misura di bambini

L'estate è sempre più vicina. Nonostante qualche pioggerellina fuori stagione, è questo il periodo in cui si programmano viaggi e vacanze o si prenota una cabina al lido balneare più ambito o semplicemente sdraio e ombrellone nella spiaggia attrezzata dove trascorrere giornate al mare con i vostri figli. 

Ma come fare a scegliere le spiagge più adatte ai bambini, soprattutto se questi sono molto piccoli? Quali sono le caratteristiche?

1) Spiaggia esclusivamente con sabbia 

Sia per fare divertire i ba

mbini, che possono così dilettarsi a giocare e costruire castelli e palazzi, sia per la loro sicurezza   

2) Arenile ampio 

Così che i piccoli possono divertirsi e giocare, senza annoiarsi in spazi limitati o ridotti. 

3)Acqua cristallina e pulita

4) Presenza di bagnini

Anche una piccola distrazione può essere decisiva quando i bimbi sono al mare e in mezzo a tanta gente. Ecco perché è molto importante scegliere una spiaggia che abbia almeno una postazione di salvataggio

5) Acqua bassa vicino alla riva 

Meglio i tratti di mare in cui l'acqua non diventa subito alta così che i bambini possano giocare in tutta tranquillità

6) Strutture ricettive in prossimità della spiaggia, attrezzature e giochi per i bambini

7) Servizio docce e spogliatoi 

8) Presenza di capannine o altri spazi adibiti alle mamme che allattano e per il cambio del pannolino

9) Negozi, ristoranti, pizzerie e gelaterie nelle vicinanze 

10) Animazione e mini-club

Non è indispensabile ma può essere un ottimo servizio per il divertimento dei figli e per regalare qualche ora di relax a mamma e papà. 

Anche quest'anno i pediatri italiani hanno assegnato le "Bandiere Verdi" ad alcune spiagge italiane perché valutate particolarmente adatte ai bambini. (Ecco quali sono quelle siciliane)

I pediatri sottolineano il  fatto che i bambini, soprattutto dai 4 anni  in poi hanno necessità di frequentare e giocare con i loro coetanei. Sì quindi  a luoghi in cui ci siano animazione, strutture ricreative e impianti sportivi.

"La scelta ha una motivazione scientifica perché il bambino e l'adolescente hanno bisogno di stare in mezzo alla gente - spiega il pediatra Italo Farnetani, ideatore del premio Bandiere Verdi e ordinario di Pediatria della Libera università Ludes di Malta -, anche in mezzo al rumore, in mezzo a delle offerte di divertimento e di opportunità turistiche, perciò quando è possibile anche dell'animazione e del gioco di gruppo, sia perché dopo i tre anni il bambino ha bisogno di aggregarsi con i coetanei, per questo non ha bisogno di stare isolato, ma al contrario in mezzo alla gente dove possa incontrare nuovi amici. È opportuno che i bambini, fin dalla nascita, ricevano stimolazioni acustiche, sonore, di nuovi volti, di nuove persone, di nuove voci, perciò anche della confusione che per i bambini e gli adolescenti è importate perché fornisce stimolazioni indispensabili per lo sviluppo del sistema nervoso".

Autore: Redazione

0 visualizzazioni

BABYPLANNER.IT

è un marchio di Ass. Cult. MAD

via Isidoro La Lumia, 22 - Palermo

P.IVA 05292310827

Seguici

  • White Facebook Icon
  • Bianco Instagram Icona

© 2013